Scopri le ultime info, solo su Finanza & Assicurazioni Blog, di Finanza, Assicurazioni, Banche e Prestiti.
Sunday September 21st 2014

ASPI per i domestici, contributo

Forse nei mesi scorsi è passata sotto silenzio una delle norme contenute nelle nuova (e, sotto molti aspetti, controversa) riforma del lavoro voluta dall’ormai ex ministro Elsa Fornero, ovvero quella secondo cui in caso di licenziamento di un lavoratore domestico assunto a tempo indeterminato, al datore di lavoro tocca pagare all’Inps un robusto contributo una tantum per finanziare l’ASPI, l’Assicurazione Sociale per l’Impiego.

Questa è solo una delle conseguenze della riforma che, in effetti, nel settore del lavoro domestico ha avuto un impatto importante sulle procedure di licenziamento, un tempo sicuramente più semplici, aggravando di fatto gli oneri a carico del datore di lavoro. Pensate che prima in caso di licenziamento di un domestico non era neanche necessario indicarne la motivazione, né erano previsti ulteriori oneri economici: era sufficiente soltanto rispettare il periodo di preavviso.
Oggi invece (purtroppo o per fortuna a seconda dei punti di vista) al datore di lavoro, nel caso di interruzione di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato per causa diversa dalle dimissioni o dal recesso del lavoratore (quindi anche in caso di licenziamento per giusta causa), spetta versare questo contributo una tantum destinato al finanziamento dell’ASPI.

L’una tantum si calcola sulla base dell’anzianità di servizio e non sulla base delle ore lavorate: ad esempio, per un collaboratore domestico che per un periodo di tre anni abbia lavorato in casa per otto ore alla settimana e per una badante assunta a tempo pieno da tre anni che lavora invece otto ore al giorno, il datore di lavoro dovrà calcolare sempre la cifra di 1.451,40 euro.

Ricordo infine che rientrano nella categoria “lavoratore domestico” colf, assistenti familiari, baby sitter, governanti, camerieri, cuochi e simili nonché coloro che svolgono tali attività in comunità religiose, caserme, comandi militari e comunità senza fini di lucro come orfanotrofi e ricoveri per anziani. Secondo una stima dell’Inps la nuova normativa interessa circa 815.000 datori di lavoro.

Related Tags: , , , ,

Leave a Comment

More from category

RC auto: in Italia più cara dell’80% rispetto alla Germania
RC auto: in Italia più cara dell’80% rispetto alla Germania

Che in Italia le tariffe dell’RC auto fossero tra le più alte d’Europa lo sospettavamo da tempo e, a conferma [Read More]

Assicurazione sulle nozze
Assicurazione sulle nozze

ERV Italia ha inaugurato un nuovo segmento assicurativo che rischia di divenire molto utile a una larga fetta di [Read More]

Assicurazioni sulla vita: tassi da applicare
Assicurazioni sulla vita: tassi da applicare

L’IVASS, l’Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni, con una circolare datata 12 febbraio 2013 ha [Read More]

Auto: garanzia per l’acquisto del nuovo e dell’usato
Auto: garanzia per l’acquisto del nuovo e dell’usato

Bisogna pagare la garanzia dell’auto?Ne ho diritto se acquisto una vettura usata? A chi mi devo rivolgere? Sono le [Read More]

Unipolsai il nuovo polo assicurativo
Unipolsai il nuovo polo assicurativo

UnipolSai: il nome del nuovo polo assicurativo, nato dalla fusione di Unipol e la Fondiaria Sai. Il progetto prevede la [Read More]